CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Dal food alla robotica, dall’ingegneria medica all’edilizia, dal tessile all’aerospaziale. Nessun limite alle possibili applicazioni, se non quello della vostra immaginazione.

Stiamo parlando della stampa 3D: tecnologia di ultima generazione che consente la creazione di oggetti tridimensionali a partire da un modello digitale.

Avete presente i vecchi film di fantascienza in cui parti del corpo umano venivano magicamente ricostruite all’interno di una scatola collegata a un computer? Ecco, quella scatola oggi si chiama stampante 3D.

Se avete sempre sognato di costruire da voi la bici dei vostri sogni, se avete in mente il prototipo di un oggetto che – ne siete certi – cambierà il mondo, o siete semplicemente a caccia di idee per un nuovo business, prendete carta e penna, mettetevi comodi e leggete qui.

Come funziona

Il primo brevetto risale alla seconda metà degli anni 80, depositato a nome dell’ingegnere statunitense Chuck Hull: visione futuristica, costi proibitivi e conseguente impiego riservato alle realtà più ricche e potenti. Da allora però le cose sono cambiate. Il brevetto è scaduto, la tecnologia si è evoluta e i costi sono scesi considerevolmente, rendendo le stampanti 3D economicamente accessibili anche ai privati cittadini.

Ne esistono diverse tipologie. Le più diffuse prevedono un procedimento di tipo additivo: l’oggetto, disegnato solitamente in CAD, viene creato uno strato alla volta, attraverso la sovrapposizione di polveri o filamenti plastici, metallici o di altra natura, progressivamente riscaldati e depositati fino al completamento verticale del progetto.

Impieghi

La curiosità nei confronti della nuova tecnologia ha ispirato professionisti dei settori più vari. E così, accanto a modelli e prototipi, ecco spuntare oggetti di design, attrezzature sportive, calzature, gioielli, salse e cibi solidi stampati in 3D.

Villa Asserbo, in Danimarca, è la prima abitazione ecosostenibile realizzata con la nuova tecnologia. Aziende online già offrono snowboard personalizzati e macchine in grado di riprodurre qualsiasi forma con strati sovrapposti di cioccolata. E mentre in Olanda la stilista Iris Van Herpen presenta la sua collezione di abiti stampati in 3D, in Italia arrivano cartucce di acqua e semola di grano duro per creare pasta personalizzata.

Presto nello spazio

La stampa 3D ha conquistato anche il campo medico e le agenzie spaziali, come l’Esa (Agenzia Spaziale Europea) che sta testando la costruzione di componenti satellitari attraverso la nuova tecnologia, e la Nasa che sta pensando al suo utilizzo per la costruzione di abitazioni su altri pianeti. Una vera e propria rivoluzione, le cui conseguenze a lungo termine sono difficili da prevedere. «La tecnologia sta arrivando, ed è probabile che sovverta ogni campo che tocchi» scriveva The Economist il 10 febbraio del 2011. E tutto era solo all’inizio.

Carola Tangari

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Previous article35 milioni per le nuove idee
Next articleIl nuovo modo di fare la scuola targata Tilda Swinton
Giornalista, autrice, conduttrice e speaker. Inizia redigendo inchieste per Il Messaggero. Dopo un'esperienza al Giornale approda in TV, prima come telereporter, poi come autrice e conduttrice di format giornalistici e non, dedicati al Teatro, alla Scienza, all’Enogastronomia, allo Sport e al mondo dell’Infanzia. Appassionata di Cinema, Fotografia e Computer Grafica. Crede nell'Innovazione in ogni campo: "La magia di oggi è la scienza di domani"