CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’allenamento nel GOLF è importante, sia fisico che tecnico, e questa innovazione va nella direzione giusta.

Ma a cosa serve questa specie di mini modulo lunare a forma di pallina da golf ?

Chi pratica questo bellissimo sport sa quanto sia difficile uscir fuori dai così detti bunker, banchi di sabbia che si snodano lungo il percorso di gioco e dai quali, senza un buon bagaglio tecnico, risulta difficile uscire.

Allenarsi dai banchi di sabbia per affinare la tecnica non è sempre possibile per varie ragioni, come l’esiguità dei bunker in un campo pratica o addirittura la loro assenza.

Pocket bunker permette l’allenamento anche in altri luoghi.

Ma come può questa innovazione sostituirsi alla pratica dalla sabbia ?

Entriamo nel dettaglio del colpo da effettuare dal bunker e quindi dalla sabbia.

La testa del bastone non impatta la palla ma la sabbia sottostante; è quest’ultima che da la spinta alla palla che si muove nella direzione data dal colpo. Quindi occorre “scavare” sotto la palla per sollevarla. E’ una bella sensazione! Anche perché la velocità di movimento del bastone è nettamente superiore alla velocità impressa alla palla, incredibile!

Pocket bunker permette l’allenamento di tali colpi come se fosse presente la sabbia sotto la palla grazie alla sua sofficità e ai piedini flessibili; il suo peso è molto vicino a quello di una pallina da golf (poco meno di 46 grammi).

Inoltre la struttura di pocket-bunker permette di allenarsi effettuando varie tipologie di colpo in termini di distanza e di traiettoria. Infatti nella realtà i bunker possono essere lontani dal green ovvero profondi con sponde alte, quasi impossibili da superare.

Pocket bunker può essere un valido amico per la crescente popolazione dei golfer, lo puoi portare sempre con te. Non a caso si chiama “bunker tascabile” e, altra cosa non indifferente, il suo costo non è eccessivo.

Pocket bunker è un aiuto in più per vincere a golf, abbassare il proprio handicap, ma questa è un’altra storia…

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn