CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Arriva dall’America – San Francisco. A Gennaio 2017, la novità nutrizionale: un pasto completo in una bottiglia a base di ingredienti di qualità superiore.

Ample Meal non è un prodotto geneticamente modificato (OGM), è senza glutine, senza soia, è un pasto completo in un flacone realizzato con cibi integrali.

Indiegogo è un sito internazionale di crowdfunding fondato nel 2008 da Danae Ringelmann, Slava Rubin, e Eric Schell che ha sede a San Francisco in California.

La vita di oggi ci porta ad essere sempre più impegnati e spesso a mangiare cibi confezionati e non sani e genuini. L’industria alimentare ha bisogno di un massiccio livellamento, gli alimenti per la salute dovrebbero essere un riflesso diretto della scienza vera e propria dando una spinta costante al miglioramento e alla necessità di ottenere una nutrizione ottimale.

Per questo Indiegogo ha creduto fortemente nel progetto di Ample Meal e del suo fondatore Connor Young. Laureato in biologia, e amante del CrossFit dal 2011, mantenere uno stile di vita sano per lui era una prerogativa.

La Nutrizione è stata la sua passione, ma quando si trasferì a San Francisco nel 2014 per lavorare in un’impresa sanitaria, mantenere uno stile di vita corretto e mangiare in modo sano andarono in conflitto con il nuovo stile di “vita accelerato”. Cominciando a dare lezioni di nutrizione e facendo corsi di cucina agli amici e compagni di casa, è nata l’idea di Ample Meal.

In linea con gli obiettivi primari del suo fondatore, Ample è un pasto unico assolutamente non-OGM. La prima versione di AmpleX è senza latte per assecondare le esigenze dei vegetariani, ma si sta lavorando per una versione senza miele, ma con una valida alternativa di eguale qualità, per venire incontro a chi sposa l’ideologia vegana. Non contiene soia, nè glutine, nè mais, ma mantiene il rapporto tra i macronutrienti.

Ample è insaporito con vaniglia reale e con il minimo di dolcificanti, tutti naturali, mantenendo così bassi i livelli di zucchero.

Non resta che aspettare l’arrivo in Italia per provare il nuovo concetto di pasto … unico!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn