CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La Cartella sociale informatizzata è una vera e propria innovazione tecnologica nell’erogazione dei servizi sociali. Rappresenta un equivalente della cartella clinica riferita ai servizi sociali, gestita a livello regionale e completamente digitalizzata. Si tratta di uno strumento rivoluzionario, attraverso cui vi è la possibilità di erogare servizi personalizzati ad ogni cittadino, in base alla sua storia e alle sue esigenze attuali;nella Cartella sociale informatizzata, infatti, vengono registrati i dati relativi ai cittadini che accedono ai servizi sociali, dalla valutazione dei casi alla presa in carico, fino alla gestione dell’erogazione del servizio e al suo esito finale.

L’afflusso informativo è alimentato dai Punti Unici di Accesso (PUA) e, dove non ancora presenti, dalle strutture comunali, dalle Asl e dagli altri soggetti che effettuano la presa in carico dei cittadini. La cartella sociale assume, quindi, un ruolo strategico poiché consente di raccogliere i dati sulla domanda sociale e di agevolare lo scambio di informazioni tra area sociale, sanitaria, dell’istruzione e della formazione. Inoltre, per ogni cittadino della Regione che accederà a uno qualunque dei servizi sociali sul territorio verrà mantenuta una memoria storica degli interventi effettuati che ne permetterà una migliore valutazione dell’efficacia da parte degli operatori e delle amministrazioni locali, le quali hanno, quindi, uno strumento in più per monitorare la spesa sociale e i carichi di lavoro delle strutture.

La Cartella sociale è, dunque, uno strumento di lavoro, ma anche un “data entry” privilegiato, che esprime un rilevante potenziale informativo e che fornisce conoscenza dettagliata sulle condizioni personali, anagrafiche, sociali ed economiche dei cittadini che si rivolgono ai servizi, oltre a specifiche sulla domanda espressa e su quella latente e, complessivamente, sul bisogno sociale, sul progetto e sull’intervento attivato e attivabile, compresa la tempistica e il relativo impegno economico-amministrativo.

La Cartella concretizza l’informatizzazione delle procedure di gestione dei servizi sociali a livello locale e l’analisi e l’armonizzazione degli assetti organizzativi e delle prassi di accesso, di accoglienza e di presa in carico. Si configura, quindi, come strumento innovativo, rispondente alle esigenze operative e conoscitive dei servizi, ne arricchisce le metodologie, ne rende visibili i contenuti, permettendo il confronto tra operatori di sistemi organizzativi complessi ed inserendosi pienamente nel lavoro di rete.

Barbara Massacci

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn