CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Quante volte è capitato di rimanere al buio, davanti la propria auto e di doversi avventurare alla disperata ricerca delle chiavi, rintanate in quella giungla selvaggia che è la borsa di ogni donna?

Con la luce fioca del cellulare ormai scarico tentiamo di individuare la nostra preda, ma alla fine siamo inesorabilmente costrette a vuotare la borsa del suo intero contenuto.

Sara Giunti ha risolto, in un colpo solo, tre dei grandi problemi che affliggono ogni donna!

La giovane designer romana ha difatti fondato un brand di borse caratterizzate dalla multifunzionalità: illuminazione interna, ricezione notifiche e ricarica della batteria.

L’intera collezione dispone della presenza di luci a LED che si accendono premendo un piccolo interruttore posizionato sul logo della fodera. Con un semplice click si può illuminarne l’interno e dedicarsi in assoluta tranquillità alla ricerca di chiavi, portafogli o di qualunque altro oggetto si nasconda sul fondo.  Un valido alleato per la quotidianità di ogni donna!

La linea 289 è disponibile in 5 diversi modelli per una gamma infinita di colori e dimensioni.

E la qualità? Basti sapere che è realizzata in Italia da artigiani professionisti che, unendo materiali semplici quali pvc e cotone, creano una bag resistente e impermeabile, unica nel suo genere. Ed è unica davvero perché connettendola allo smartphone tramite Bluetooth, si potrà ricevere un segnale di vibrazione nel manico per la ricezione di sms o chiamate in entrata.

Pratica, elegante, innovativa

Requisito indispensabile per il suo utilizzo è scaricare l’app “289BAG” – disponibile per sistemi android e iOS – grazie alla quale si può diversificare l’intensità della vibrazione per distinguere i messaggi di Whatsapp dalle mail o dalle notifiche di Facebook. Inoltre ogni modello include al suo interno un collegamento USB che consente di ricaricare smartphone, fotocamere e tablet. Insomma una fusione intelligente tra moda e ingegneria.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn