CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Solosocks è il primo prodotto di una azienda danese innovativa, attenta all’ambiente, al design, alla diversità come espressione dell’individualità.

Personalità!

La loro vendita non avviene “a paia” ma in pacchi da 5 o da 7!  I “socks” hanno disegni differenti fra loro ma, attraverso un intelligente studio cromatico, sono tutti accoppiabili conferendo intercambiabilità e un più facile utilizzo. Quante volte, uomini e donne, abbiamo indossato calzini differenti sia di colore che di modello?!?

Una nuova concezione di prodotto creativo…

Chi li produce ha una spiccata attenzione alla natura e al sociale, partendo dai “socks” per finire al packaging.

L’azienda produttrice è CSR (Corporate Social Responsability); impariamo a familiarizzare con questo acronimo perché dipenderà anche da noi – che scegliamo i prodotti da acquistare – come sarà la qualità del mondo in cui vivremo noi e i nostri figli.

Il materiale dei “socks” è cotone organico “pettinato” acquistato da un produttore GOTS (Global Organic Textile Standard) certificato, altro acronimo da ricordare! Il cotone è combinato con una quantità minima di fibre sintetiche necessarie per fornire al prodotto miglior comfort e durata.

Non solo i “socks” sono innovativi e attenti all’ambiente, anche il packaging è aggiornato e adeguato al prodotto.

Infatti il contenitore di Solosocks non produce spazzatura; è utilizzabile perché progettato per adattarsi allo spazio del cassetto dove alloggiare i propri “socks”. E’ funzionale, semplice, minimalista.

In questo periodo, dove ci si è accorti che la diversità è un valore e non una limitazione, Solosocks è intelligentemente non omologato, sottolineando la voglia di individualità che parte dal vestiario per arrivare al modo di pensare e a quello di comportarsi.

Teniamo d’occhio questa azienda che ha deciso di cambiare il concept di produrre e intanto….

…..decidiamo se premiarla rendendo le nostre gambe innovative, colorate, alla moda!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn