CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La startup italiana della consegna di cibo a domicilio con bicicletta, Foodinho, è stata acquistata da Glovo, azienda spagnola che opera nel business delle consegne a domicilio di qualsiasi prodotto (l’anything delivered).

L’idea è semplice: i clienti visionano on line i menu di varie tipologie (dall’hamburger alla pizza, dalla cucina mediterranea al kebab turco, dalla carne al pesce…), effettuano l’ordine, pagano con carta di credito o alla consegna, e nel giro di 30 minuti il cibo è consegnato.

La novità? Con il passaggio a Glovo è ora possibile ordinare di tutto. Basta descrivere il prodotto desiderato e un glover prenderà in carico la consegna.

I vantaggi? Abbattimento dei tempi e dei costi e possibilità di continuare ad effettuare i propri acquisti nel negozio di fiducia inviando un glover. Oltre alla comodità!…

Il fondatore di Foodinho, Matteo Pichi, con studi alla Luiss e alla Bocconi, esperienze nella divisione Investment Banking di Merrill Lynch, e una vita tra New York e Londra, ha deciso di vendere alla spagnola Glovo, startup barcellonese, classe 2014 nata da un’idea di Oscar Pierre, dopo diversi mesi passati a cercare un investimento italiano. L’ingegnere spagnolo Pierre era alla ricerca di un country manager per l’Italia, il sito LinkedIn ha fatto il resto.

Cibo e non solo… grazie agli eco-bikers!

Entrambi i team, italiano e spagnolo, si conoscevano. Il loro incontro e le medesime visioni del futuro hanno permesso l’exit (l’acquisizione). Il business di Glovo e la capacità di cavalcare il nuovo trend del delivery of evertything, cioè servizi che distribuiscono a domicilio non solo cibo, ma ogni tipo di prodotto, è sicuramente più ampio rispetto a quello di Foodinho, che si basava solo sulla consegna di cibo.

Malgrado questo l’acquirente spagnola Glovo ha tenuto a tenersi saldi gli asset della startup Foodinho, acquisendo la rete di contatti, rilevando i corrieri eco-friendly con biciclette al seguito e persino il team manageriale.

Partendo dalla struttura già consolidata di Foodinho, Matteo Pichi ritiene che il business model – anything delivered – della Glovo, sia il futuro in questo settore, cioè la consegna a domicilio di qualsiasi tipo di prodotto locale in 45 minuti.

Per ora sono a Milano, prossimamente sarà contemplata anche a Roma, tenendo conto che Glovo è presente già a Barcellona, Madrid e Parigi.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn