CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il vento della sharing economy che investì il mondo della mobilità urbana con il caso Uber, ora soffia anche su quello della ristorazione, e in particolare su quello dell’home restourant, con la nascita di nuove piattaforme per prenotare pranzi o cene in case altrui attraverso Internet. E’ il caso di Gnammo.

Dopo l’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico che ha decretato la necessità della Scia, dichiarazione di inizio attività, per chi fa il ristorante in casa, oggi Gnammo è una realtà più che consolidata.

Ogni utente può diventare l’organizzatore di un evento. Gnammo, startup incubata presso l’I3P del Politecnico di Torino, è ormai da anni considerato unanimemente il più grande e attivo portale italiano dedicato alla ristorazione e agli eventi conviviali casalinghi.

Nata dalla fantasia e caparbietà dei suo creatori – Gian Luca Ranno, Cristiano Rigon e Walter Dabbicco – accoglie oggi oltre 110.000 utenti registrati da tutta Italia che hanno scelto di scoprire e vivere un nuovo modo di stare assieme, in casa e attorno ad una tavola.

Non serve essere cuochi provetti

Basta tanta voglia di mettersi in gioco e di conoscere persone nuove, sia come ospite (lo gnammer che mangia) che come cuoco (lo gnammer ai fornelli).

Per partecipare o organizzare un evento gastronomico basta scaricare sul proprio smartphone la nuova applicazione dagli store per Android e per iOS, registrarsi e mettersi fin da subito ad esplorare la lista di eventi che propone Gnammo.

Alla ricerca di un evento possono essere applicati dei filtri così che l’utente possa sceglierlo in base alla posizione, al numero di ospiti, alla data e al prezzo. Una volta trovata la proposta più interessante, basterà cliccare sul pulsante in fondo alla descrizione dell’evento per prenotare il proprio posto a tavola. Procedura semplificata anche per i cuochi.

Nella sezione “cook” è possibile organizzare e tenere sotto controllo i propri eventi. Dopo aver creato l’appuntamento con data, luogo e prezzo occorrerà gestire le prenotazioni ricevute.

Sull’app apparirà l’elenco degli ospiti che si sono prenotati e sarà facoltà del cooker scegliere se accettare o meno uno gnammer.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn