CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’aspetto Green delle imprese sta accrescendo il numero di opportunità lavorative con tutte le varie iniziative che hanno come risultato finale la riduzione dei contaminanti ambientali e di ridurre allo stesso tempo il consumo energetico.
Non dimentichiamo che un buon esempio di approccio Green è di riutilizzare le materie prime di scarto da altre lavorazioni industriali e riutilizzarle in altri settori con notevole risparmio sull’energia.

Parlando di GE tuttavia ricadono, inoltre per esempio attività dedite allo smaltimento di rifiuti tossici, alla depurazione delle acque, non soltanto l’impiego di energie rinnovabili.
Sembra che si stia diffondendo un’anima ecosostenibile a livello europeo, ma anche in altri paesi a livello mondiale che, mantenendo una produzione industriale adeguata alle necessità umane, si sta prendendo coscienza che in fin dei conti che il pianeta Terra sia la nostra casa, in fin dei conti siamo tutti suoi ospiti.

E’ possibile analizzare brevemente alcuni esempi di Green Economy di vari paesi.
Si possono avere compartimenti “verdi” semplicemente favorendo i consumi energetici con le energie rinnovabili imponendo sistemi di tassazione sui metodi di ottenimento di energia più inquinante, o di diversificare maggiormente l’approvvigionamento verde all’energia rinnovabile. Quello che si sta osservando a livello globale è tuttavia non solo l’impiego di metodi di produzione più ecologici, ma soprattutto la presenza diffusa in vari paesi di sviluppare una coscienza ecologica che interessa soprattutto i più giovani.

La crescita della coscienza ecologica

Già a livello delle scuole elementari ci sono associazioni e istituzioni che mirano a sviluppare la coscienza ecologica, e si sa questo duro lavoro rappresenta probabilmente la soluzione migliore per sviluppare un approccio Green per il nostro futuro, specie in funzione dei notevoli cambiamenti climatici sui quali abbiamo assistito.
Non c’è niente di meglio che una “mente” ecologica, per rispettare l’ambiente, perché molte cose si possono fare, con semplici azioni quotidiane, ed anche se sono tante piccole gocce contribuiscono ad un fine ecologico. Vi sono paesi che ad esempio, utilizzano “macchine” industriali che fanno uso esclusivamente del lavoro muscolare delle persone, e certamente in tal caso, non vengono prodotti nessun gas di scarico per quella determinata operazione industriale.
Anche in Italia vi sono aziende di successo che uniscono la qualità all’aspetto ecologico. Queste aziende hanno creato un binomio vincente sia per il loro successo commerciale, sia il rispetto ecosostenibile dell’ambiente stesso.

Paolo Patrizio

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn