CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un nuovo food blog per comunicare la cultura del cibo e il suo valore

Il preambolo del food blog famelici è calzante: ogni piatto è un universo ricco di strati narrativi ed esperienziali del Bel Paese. L’agroalimentare è un settore con potenzialità competitive da scoprire, valorizzare, monetizzare: in questo contesto si inserisce il progetto del Food Blog Famelici per comunicare con efficacia cibo ed emozioni, non merci.

Comunicare la qualità, dare valore al business

Viviamo un momento di grande attenzione per l’agroalimentare italiano nel mondo: con 2 milioni di imprese, 3,8 milioni di addetti, 130 miliardi di euro di valore aggiunto, la filiera agroindustriale italiana è un settore con potenzialità inespresse. In questo contesto si inserisce il progetto del Food Blog Famelici, tratteggiato così da Monica Viani e Fabrizio Bellavista: “per il mercato conta la capacità di comunicare con efficacia l’eccellenza made in Italy, per questo abbiamo costruito un blog che si connette con un vero e proprio network digitale e con una strategia di digital PR come non vi è sul mercato nazionale. Usiamo lo storytelling per vendere la cultura italiana che pervade ogni ricetta: spaghetti, pane o risotto con foglia d’oro, che sia”.

Tre giornaliste food e uno specialista del mondo digitale

Tre giornaliste specializzate nel “world of food”, Alessandra Cioccarelli, Camilla Rocca e Monica Viani, danno vita, insieme a Fabrizio Bellavista, a Famelici, un food blog collettivo che affronta il cibo e l’arte, l’attualità, la tecnologia e tutto quello che è sulla tavola di ieri, oggi e domani.

L’ offerta è ricca di spunti innovativi: “Tecno Eventi”, “Performance teatro-gastronomiche” ecc. in vista di “Milano Food City” (maggio 2017), una settimana interamente dedicata al cibo e alla sua cultura in cui sarà rimarcato il progetto comune che vede Milano capitale del food al pari del design e della moda.

Francesca Bartolino

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn