CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

In un mondo frenetico come quello in cui viviamo, essere in grado di prendere appunti in qualsiasi momento della giornata è fondamentale. Se carta e penna sono ormai obsoleti, una valida alternativa ai registratori con nastro è rappresentata da Senstone: un dispositivo che registra le tracce vocali, le carica sull’apposita app e le trascrive sullo smartphone.

Per le sue piccole dimensioni, è particolarmente indicato per giornalisti, compositori, cantanti, poeti e tutti coloro i quali abbiano necessità di appuntare frequentemente le loro idee.

Usare Senstone è facilissimo

Per registrare una nota si preme un pulsante sul lato del dispositivo; stessa procedura per interrompere la registrazione. Una caratteristica interessante è che il device funziona anche se il telefono non si trova nelle vicinanze; in tal caso le memo vocali saranno archiviate successivamente, una volta connesso il dispositivo allo smartphone. Senstone ha infatti una memoria interna che garantisce 2,5 ore di registrazione e uno spazio sul cloud pari a 300 minuti di file audio mensili.

Se invece è connesso allo smartphone mediante bluetooth durante la registrazione, il dispositivo impiegherà circa 1 minuto a caricare automaticamente le note audio per un totale di 50 ore di registrazione.


Pratico e maneggevole, ha uno schermo costituito da piccoli LED bianchi che segnalano le attività chiave come inizio e fine di una registrazione, la sincronizzazione, lo stato della batteria e la ricarica mediante cavo USB.

Ma attenzione, perché Senstone è ancora un prototipo su Kickstarter: verrà lanciato sul mercato a luglio e sarà dotato di nuove funzioni.

Innanzitutto l’app di trasferimento dei file digitali sarà disponibile anche per Android, essendo attualmente fruibile solo da dispositivi iOS. Inoltre avrà un secondo microfono per ridurre il rumore di sottofondo e catturare un suono migliore, si azionerà semplicemente toccando lo schermo o schioccando le dita, sarà possibile raggruppare i file per argomento #hashtaggando la parola chiave.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn