CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Siamo soliti pensare che computer, touch screen, tablet e smartphone servano solo per comunicare o socializzare in maniera “mediata”, in realtà possono anche migliorare la qualità della vita delle persone anziane o con disabilità, avvicinandole a strumenti in grado di stimolare la memoria e favorire un approccio all’esercizio delle facoltà mentali.

A trasformare questo concetto da teoria a pratica ci ha pensato Fondazione ASPHI Onlus che, dal 1980, ha come mission quella di promuovere l’inclusione delle persone con disabilità (da quelle sensoriali e motorie, a quelle psichiche e mentali, alla perdita di autonomia e abilità determinata dall’invecchiamento, allo svantaggio di essere migrante in tutti i contesti di vita, attraverso l’uso delle tecnologie digitali.

ASPHI opera essenzialmente attraverso la realizzazione di progetti finalizzati ad affrontare e risolvere problemi reali e ben identificati, avvalendosi dell’aiuto di partner qualificati provenienti dal mondo del non profit, della ricerca, dell’industria, degli enti pubblici e dell’università.

Un esempio? Click4All. Progetto pensato per tutti quei bambini e ragazzi con disabilità motorie o cognitive complesse per i quali la tastiera, il mouse o il touch screen sono inaccessibili, sia per motivi motori che per motivi cognitivi. Concretamente si tratta di un kit fai da te che permette di utilizzare diversi materiali (tessuto conduttivo, disegni a matita, pongo, rame, alluminio e qualsiasi altro tipo di materiale contenente metallo o acqua) per costruire sensori a tocco che sostituiscono i comandi del mouse, della tastiera o di un joystick. Click4All funziona, inoltre, come multi-piattaforma che si collega via Bluetooth o via usb con computer, tablet e smartphone di qualsiasi sistema operativo. Attraverso un software grafico è poi possibile configurare il kit, in maniera semplice e alla portata di chiunque, decidendo quali comandi informatici associare ai sensori auto-costruiti (movimenti del mouse, click sinistro e destro, lettere della tastiera, comandi funzione, ecc.). Nel Marzo 2016 Click4All ha vinto il bando “Think For Social” promosso da Fondazione Vodafone Italia e nell’ottobre dello stesso anno, si è aggiudicato il #MakeToCare, contest tra soluzioni tecnologiche per la disabilità e la salute, organizzato da Sanofi Genzyme nell’ambito della Maker Faire 2016 di Roma.

Click4All è, però, solo uno dei numerosi progetti innovativi portati avanti da ASPHI, la quale da anni sfrutta le nuove tecnologie per creare una società in cui le persone con disabilità abbiano le stesse opportunità di tutti.

Barbara Massacci

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn