CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

MovieDay è una startup che rilancia i cinema di quartiere e dà potere decisionale allo spettatore.

Antonello Centomani è la mente che ha realizzato la prima piattaforma in Italia che permette di organizzare proiezioni al cinema: si possono scegliere dal catalogo film di ogni epoca o indipendenti, decidere la sala e organizzare la loro proiezione.

Centomani maturò l’idea, spinto da 3 motivi: rilanciare il cinema di quartiere (con le classiche poltrone rosse e l’odore di popcorn); eliminare un anello della catena cinematografica, cioè la distribuzione, permettendo di avere nel catalogo molti film indipendenti o che hanno concorso per i Festival ed hanno un difficile accesso alla proiezione nei cinema tramite la classica strada della grande distribuzione (ogni anno, solo in Italia, vengono prodotti 1000 film e, di questi, meno della metà viene distribuita nei cinema); creare un evento condiviso secondo la filosofia che un film va assaporato e vissuto con altri spettatori con medesimi gusti, creando così un’energia esponenzialmente emotiva.

Eventi? Sì… Al raggiungimento del quorum

Il funzionamento di MovieDay: un Film entra nel circuito di MovieDay, comincia la campagna sui Social e off line per coinvolgere potenziali fan ad organizzare una visione nei cinema della città che aderiscono a MovieDay. Scelto il giorno e l’ora si organizza l’evento e si deve raggiungere un quorum di biglietti venduti in prevendita (presumibilmente una cinquantina) affinché il film venga proiettato nel cinema scelto.

Gli incassi dei film vengono così divisi: 50% alla sala cinematografica, 30% alla produzione e 20% alla startup MovieDay.

Grazie ai cinema aderenti, con un catalogo di film richiesti direttamente dal pubblico, gli spettatori potranno organizzare facilmente la proiezione delle pellicole desiderate e condividere con amici e altre persone la propria passione.

La nascita di MovieDay

MovieDay va on line nel Maggio del 2015 dopo due anni di progettazione e vari premi vinti tra cui il premio Innovazione culturale di Fondazione Cariplo: 130.000 euro a fondo perduto, che hanno permesso di mettere insieme un team di 10 giovani per un anno di incubazione. Ad oggi 160 sale in tutta Italia, fanno parte del circuito MovieDay.

A riassumere la filosofia della startup, una frase inserita sul suo sito

“Non vogliamo cambiare il mondo,

ma solo il modo di vederlo”

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn