CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Fresco, istantaneo, personalizzato, al pistacchio di Bronte o al biscotto, con fragole, banana, amarene o cereali. Arriva in bicicletta o nell’ape, nel furgone, nella pasticceria di zona o nel locale ad hoc. E’ mixato, freddato, composto e arrotolato. Lì per lì, giusto pochi istanti prima di essere consumato. Si chiama Mashcream il gelato in roll che promette di conquistare la simpatia di spiagge e piazze dell’estate 2017, e non solo.

Un’idea che arriva da Oriente e che, rivisitata secondo il fine gusto del Bel Paese, in Italia porta la firma di Giacomo Bizzarri, Alessandro Giuricin e dell’incubatore The Hive di Ancona. Da gennaio 2017 fa parte della società anche Fabrizio Cannizzaro, con la carica di CFO and business developer.

Ma andiamo in ordine. E con Bizzarri ripercorriamo dal principio le tappe dell’innovativa startup.

Giacomo, come è iniziata l’avventura di Mashcream?

L’idea è venuta dopo un viaggio in Thailandia, dove sono rimasto colpito da questa modalità di preparazione del gelato davvero creativa ed alternativa. Una volta rientrato in Italia ho deciso di provarci: dapprima ho creato un prototipo insieme ad un tecnico frigorista di Senigallia (An) poi non avendo in quel periodo un lavoro, ho deciso di crearmelo. Da Senigallia a Rimini dove abbiamo presentato il concept alla fiera Sigep di Rimini nel 2016. Poi in tour per l’Italia partecipando ad eventi e manifestazioni, l’estate in provincia di Ancona e l’apertura della sede operativa a Milano ad aprile 2017.

Il lancio sul mercato è stato alla fiera Sigep di Rimini nel 2016 e l’estate ha rappresentato il primo test di vendita. Durante l’anno abbiamo partecipato a diverse manifestazioni ed eventi, tra cui il Fuorisalone a Milano, la prima tappa di Firenze del Gelato Festival, Seeds&Chips a Milano, Heroes Maratea, Maker Faire Rome. Inoltre abbiamo partecipato a due programmi televisivi: Tù Sì Que Vales su Canale 5 e I Fatti Vostri su Rai 2.

Per l’avvio avete potuto contare su qualche finanziamento esterno?

Il progetto è partito con risorse proprie e poi un incentivo della Regione Marche. Durante l’estate 2016 abbiamo lanciato una piccola campagna crowdfunding con la piattaforma Woop Food, specializzata sull’agroalimentare italiano, che ci ha permesso di dar vita al tour estivo, partito da Senigallia.

Cosa differenzia Mashcream rispetto agli altri gelati artigianali?

Mashcream propone un modo di preparazione espressa di gelato artigianale senza il laboratorio di gelateria tradizionale.
Mashcream offre una nuova ed unica esperienza per il consumatore e una reale opportunità di animazione del punto vendita.
Il cliente viene coinvolto in tutte le fasi di preparazione del gelato. Scegliendo gli ingredienti, viene personalizzato un gelato del tutto esclusivo, che si vede preparare di fronte ai propri occhi.
Le persone possono assaggiare il nostro gelato nei punti vendita Mashcream che stiamo aprendo sul territorio nazionale per la stagione estiva, sia in modalità street food, che shop in shop all’interno di strutture esistenti.

Quali sono i punti di forza del progetto?

Stiamo lavorando su più fronti per offrire un prodotto di alta qualità per il consumatore, in linea con gli attuali bisogni provenienti dal mercato. Siamo molto attenti e sensibili agli sprechi alimentari e puntiamo ad ingegnerizzare un chiosco street food completamente ecosostenibile.
La risposta dei clienti è stata molto positiva ed iniziano ad identificarci come brand. Il gelato in roll è stato food trend negli Stati Uniti nel 2016, le previsioni dicono che lo sarà negli UK per quest’anno. Vogliamo essere pronti al meglio per affermarlo in Italia.

Beh, l’estate è alle porte…

Ci sarà molto da fare. Tutti i punti vendita Mashcream saranno direttamente gestiti da noi e stiamo valutando per il futuro la possibilità di eventuali affiliati.

Fresco e scenografico. Una delizia per il palato e per gli occhi.

Instagram addicted e buongustai, gia tutti in fila?…

Carola Tangari

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn