CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ganiza è l’app che risponde alla domanda: “cosa facciamo oggi?”, proponendo eventi, attività e non solo…

Ganiza è una start Up creata, nel 2015, da tre ragazzi Siciliani, Daniele Virgillito, Francesco Marino e Valentino Romano, che risponde all’esigenza organizzazativa per le uscite di gruppo, fondamentalmente tra amici, mirando ad un target giovane, principalmente di liceali e universitari.

Dopo soli 10 giorni dall’uscita di Ganiza, l’App Store Italia selezionò la Start Up Siciliana mettendola in copertina come “App sviluppata in Italia”  fra le nuove migliori App, garantendogli così, un’ottima spinta mediatica nei blog di settore ed un “pacchetto” di utenza notevole. Nell’Agosto dello stesso anno, Ganiza fece la sua comparsa sullo Store Windows in USA, Brasile e Italia.

l’App “Democratica” per eventi.

A chi non è mai capitato, almeno una volta nella vita di non sapere cosa proporre, cosa fare con gli amici o non riuscire a mettere tutti d’accordo in tempi “umani”?

Ganiza è la soluzione, sotto forma di applicazione per risolvere problemi organizzativi e logistici tra amici.

L’App è intuitiva ed oltre a fare da “radar” per eventi nelle vicinanze come, per esempio, cene, aperitivi e mostre; permette di proporre e creare eventi privati: film a casa, feste, cene… o di creare una lista di proposte da far votare agli amici e conoscenti, così da poter mettere d’accordo tutti in un tempo immediato.

Per la votazione non è necessario avere Ganiza come App: è possibile votare le proposte tramite pagina Web. Gli amici possono essere invitati anche tramite Messenger, Whatsapp, mail, sms o link.

Ganiza offre un aiuto anche ai partner commerciali facendoli accedere direttamente alla dashboard online, dove possono reperire info sugli utenti, creando così attività per coinvolgere i gruppi.

Ganiza si è rivelato un ottimo strumento per invogliare ad essere Social alla vecchia maniera…

….in carne ed ossa!

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn