CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Oggi la tecnologia di QUELL viene in aiuto a chi soffre di dolori cronici.

Dobbiamo ammettere che la società di oggi ci sprona, giustamente, a fare più movimento per avere una vita più sana; bici, jogging, nuoto, sport in genere… Più o meno duri.

Lo sport, si sa, fa bene. Ma non tutti lo fanno assiduamente e in modo corretto; per questo i dolori osteoarticolari sono in netta crescita. Ma questo genere di dolore non si “annida” solo nei corpi degli sportivi. Anche la vita sedentaria può produrre malesseri molto fastidiosi e che, se non curati adeguatamente, possono degenerare ovvero rimanere a farci compagnia per molto tempo.

Ebbene, la cura può avvenire con medicinali, fisioterapie, infiltrazioni di sostanze più o meno benefiche, operazioni chirurgiche. QUELL utilizza stimolazioni elettriche che si possono dosare a seconda dei casi da trattare.

Il dispositivo è facilmente indossabile con l’ausilio di fasce che avvolgono perfettamente gambe, braccia, ginocchio… per trasmettere al corpo piccoli impulsi elettrici personalizzabili.

La tecnologia di QUELL sta al fianco di chi non vuole utilizzare farmaci o altri “aiuti” invasivi per curare dolori cronici che limitano il normale movimento e che, a volte, non sono risolutivi. Parlando in percentuale l’81% delle persone che hanno utilizzato QUELL hanno riscontrato un miglioramento nei loro problemi articolari e il 67% ha ridotto le “classiche” medicazioni.

QUELL lavora sia di notte quando dormi che di giorno in piena attività fisica e senza apportare fastidio.

La neuro-tecnologia di QUELL è gestita da una utilissima App che permette di modulare automaticamente la frequenza e la potenza dell’apparecchiatura oltre a misurare i progressi.

QUELL è utile a tutti… Sportivi e sedentari, impiegati e casalinghe.

Oggi la tecnologia è sempre più indirizzata al benessere psicofisico… E… quello che importa a QUELL è quello che migliora la vita… Perché non provarlo?

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn