CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un vero e proprio servizio di Sharing Economy per le Mamme.

Chi di noi non ha più spazio nell’armadio dei propri bambini? Chi vorrebbe regalare o vendere degli abiti nuovi mai usati dei propri bambini? Chi vorrebbe dare un aiuto ad altre persone regalando dei vestiti che non si utilizzano più?

Parliamo di Armadio Verde, il primo sito per lo scambio e l’acquisto di abbigliamento da 0 a 16 anni.

Il funzionamento è molto semplice: si inviano gratuitamente i vestiti che non si utilizzano più, per ogni vestito inviato si guadagna un credito per scegliere altri vestiti sul sito, tutti di qualità e delle migliori marche.

Potremmo parlare di una nuova esperienza di acquisto che risponde pienamente ai canoni dell’economia della condivisione, consentendo di risparmiare, vestire i bambini con capi di qualità, non sprecare e fare tutto comodamente online e a domicilio.

Ovviamente, per accedere al servizio, dobbiamo sempre seguire un regolamento interno che prevede:

  • cosa si accetta – “vestiti Perfetti”, “Vestiti Nuovi”, “Vestiti di qualsiasi stagione”.
  • cosa non si accetta – “Intimo e Pigiami”, “Scarpe”, “Vestiti con difetti”.

Ci troveremo ad avere come corrispettivo del valore economico dei nostri vestiti le “stelline” che saranno ottenute sulla base di tre parametri: marca, taglia e tipologia.

Seleziona i tuoi vestiti che dovranno essere in ottime condizioni, lavati, stirati e piegati. Inserisci i capi in una scatola di cartone sigillata accuratamente e procedi con la stampa dell’etichetta con i dati per la spedizione… E’ semplice!

IMPORTANTE:

Armadio Verde ti aiuta anche ad aiutare i Bambini… Come?: Semplice, quando il team non può accettare i vestiti che avete spedito, li dona a Onlus accreditate per distribuirli a bambini bisognosi.

Ora non vi resta che ordinare bene le idee e finalmente liberarvi di vestiti oramai non più utilizzati.

Barbara Tangari

 

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn