CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ridefinire il concetto di tempo e i confini delle nostre potenzialità.

Palazzo delle Esposizioni: teatro di un mondo virtuale che invita alla riflessione del concetto di reale, mostra la possibilità di ampliare i propri orizzonti espressivi e di captare e riprodurre i mutamenti in atto nell’ambiente in cui viviamo.

Il particolare quanto mai ingannevole mondo del virtuale viene riprodotto, in questa esposizione, in maniera distorta, illusoria fino a trasmettere nello spettattore una realtà deformata e alquanto fragile della vita. Le immagini rappresentate con le nuove tecnologie messe a disposizione ridefiniscono il concetto di conoscenza e imprimono una nuova prospettiva della realtà.

Sulla centralità delle immagini e sull’importanza della percezione visiva si concentra il lavoro di due importanti istituzioni culturali: la Fondazione Giuliani, legata alla Biennale dell’Immagine in Movimento del Centre d’Art Contemporain di Ginevra, e la Nomas Foundation, che con KizArt riesce ad avvicinare anche i più piccoli alla video arte contemporanea.

Arte e Scienza…

Il corpo umano: privato del suo essere materiale (pelle, ossa, muscoli) e ridotto a un ibrido, viene trasformato in bit, per superare e cancellare completamente le sue imperfezioni. Frammentato in numeri o ripensato in silicio, convive e viene contaminato dalla tecnologia, che si insinua sempre più nel nostro processo evolutivo. La scienza determina questi cambiamenti, l’arte li anticipa.

E’ questo lo scenario meraviglioso e suggestivo in cui lo spettatore viene travolto entrando nel “tempio” dell’arte digitale e delle nuove tecnologie. Siamo giunti all’ottava edizione di Digitalife, sezione del Romaeuropa Festival, e anche quest’anno non siamo rimasti delusi dallo straordinario spettacolo che, all’interno degli spazi del Palazzo delle Esposizioni, ha permesso di interagire con complesse architetture audiovisive, di sorprendere e stupire, rapiti da vortici di luce e suono, concepire la realtà in maniera del tutto diversa ed immaginare alla fine un futuro completamente diverso attraverso creazioni artistiche digitali e nuove tecnologie! 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn