CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Sale dal 12 al 14 per cento l’incentivo fiscale alla ricerca in Austria. “A trarne notevoli vantaggi saranno soprattutto le imprese innovative e propense agli investimenti”, spiega René Siegl, Managing Director di ABA – Invest in Austria, punto di riferimento per le aziende straniere interessate a stabilirsi in questo paese.

L’incentivo è rivolto a qualsiasi azienda che pratichi ricerca sia internamente che a contratto. È incluso anche lo sviluppo sperimentale di modelli, prodotti e processi che mirano a superare l’attuale stato dell’arte. È possibile rivendicare tali costi a prescindere dal buon esito del progetto. Il premio può essere richiesto anche dalle aziende che non hanno utile o che registrano utili contenuti, viene erogato in contanti, in tempi brevi e senza lungaggini burocratiche.

Oltre alle retribuzioni, agli investimenti di capitale in immobilizzazioni e immobili, alle spese pertinenti alla ricerca come i servizi acquistati, i costi di finanziamento e le spese generali, è possibile specificare anche i costi di crediti sostenuti ancor prima dell’inizio del progetto.

Tra le aziende italiane che ne hanno già beneficiato, Scuderia-E di Gianfranco Pizzuto, impegnata nel riutilizzo delle batterie agli ioni di litio esauste delle auto elettriche. L’azienda, che nel 2017 ha scelto Salisburgo come sede per la costituzione della propria impresa, importa inoltre auto elettriche e converte singoli modelli tradizionali in veicoli elettrici. Il modello di punta è la Fiat 500e, al momento prodotta nella versione elettrica esclusivamente in Messico e destinata al mercato californiano. A giugno 2018 la Fiat 500e di Scuderia-E partirà da Bolzano per raggiungere Oslo, con l’intento di percorrere i 2.000 chilometri di distanza in meno di 24 ore, battendo così del 30% l’attuale record mondiale, e senza consumare carburante.

Nel frattempo, per chi non lo avesse già fatto, il viaggio consigliato è tra le pagine web di ABA – Invest in Austria: l’ente governativo, facente capo al Ministero Federale della Digitalizzazione e dell’Economia, ha il compito di fornire ai potenziali investitori consulenza e informazioni a titolo gratuito, sostenendo le imprese interessate nella scelta della sede, nelle questioni di natura fiscale e del diritto del lavoro, nella ricerca di partner di collaborazione e nei contatti con gli enti pubblici.

Carola Tangari

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn