CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un Artista, con la “A” maiuscola.

Fabrizio Emigli festeggia i quarant’anni dal suo primo concerto con una nuova canzone e un nuovo videoclip e lancia la sua campagna di crowdfunding su Musicraiser (in fondo all’articolo troverai un LINK per partecipare).

Ed ora voce all’Artista:

“Sono stati quattro decenni di musica vissuta a 360°, oltre alle canzoni scritte e ai tantissimi lo storico palco e le “stanze polverose” del Folkstudio di Roma, di cui sono stato direttore artistico dello Spazio Giovani, l’apertura di grandi concerti, il cinema e la TV”.

“Il brano è già stato registrato, il titolo è “Le tre cose che so” ed è pronto per l’uscita, lo potete ascoltare qui”:

“Per la realizzazione del videoclip ho deciso di lanciare questa campagna”.

Sarà prezioso contare sui sostenitori per la raccolta fondi: la speranza è di riuscire a raccogliere la somma che contribuirà a coprire i costi di lavorazione e riprese del “film” (avrà la durata e la struttura di un vero e proprio cortometraggio), l’affitto delle macchine da presa, i costi di trasferte, maestranze, trucco e costumi, postproduzione, location, etc etc.”

“Contiamo di riconoscere ricompense adeguate a tutti i sostenitori e agli amici che vorranno condividere questa avventura: dal 45 giri in vinile con “Le tre cose che so” e un altro brano inedito, ai biglietti per il concerto di presentazione del videoclip, dalla presenza in video (piccolo cameo riservato ad alcuni sostenitori del progetto) fino al “house concert” di un’ora”.

IL VIDEO

“Passerà questo tempo di attese, e giornate mal spese…”

“Come recita una strofa del testo, la canzone ci parla di attese e di finali da concludere, risolvere e condividere; vuole essere un piccolo manifesto di quotidianità, in cui l’amore, i sentimenti, i pensieri per l’altro, il desiderio di costruirsi a vicenda restano lo sfondo di ogni tragitto condiviso”.

“Un racconto visivo fatto di sguardi, suggestioni, serene inquietudini. Tutti i personaggi descritti stanno aspettando qualcosa: un partner che non arriva, sé stessi, il proprio passato, il presente e il futuro che ci osservano dall’alto, un potenziale pubblico che arrivi a riempire la sala vuota, un taxi, un compagno di viaggio che ci porti via lontano.
Gli stessi personaggi, stavolta bambini, saranno impegnati nel gioco “un due tre stella!”, filo che collegherà fra loro le quattro storie da adulti”.

La regia, il soggetto e la sceneggiatura sarà di Ico Fedeli, già regista del video di “Una pietra sopra”.

BIO in breve

CD ufficiali

  • Dentro un nuovo disordine – 2000
  • Stelle in eccedenza – 2007

Apertura concerti

  • Mimmo Locasciulli – Folkstudio 1986
  • Edoardo de Angelis – Folkstudio 1990
  • Claudio Baglioni – Stadio Olimpico, Roma – giugno 1998

Cinema

  • “La sposa cadavere” – Tim Burton – 2005
    • composizione testi per la colonna sonora italiana
  • “La fabbrica di cioccolato” – Tim Burton – 2005
    • composizione testi per la colonna sonora italiana
    • esecuzione dell’intera colonna sonora, dando la voce agli “Umpa Lumpa” e ai pupazzi di Willy Wonka

TV

  • Jeans su RAI 3, con Fabio Fazio
  • L’AltraMusica Stream con Barbara D’Urso

Premi

  • Premio Rino Gaetano – 1990
  • L’Oscar Campidoglio “Personalità Europea” – 1991
  • L’AltraMusica IMAIE – 2000
  • Premio Stefano Rosso – 2010

Videoclip

  • “Passo a prenderti col tram” (prodotto da Fabrizio Emigli e Stefano Mastruzzi) si aggiudica il premio come miglior video di animazione al “CUBOVISION web film award”, organizzato da RAI CINEMA. Nel 2008 entra nella rosa dei migliori 16 artisti a “Musicultura” (CD Compilation). Ha avuto su youtube più di 15.900 visualizzazioni
  • “UNA PIETRA SOPRA” (edizioni APBEAT) ha avuto su youtube più di 635.500 visualizzazioni

Direzione Artistica

Riferimenti

Fabrizio Emigli – https://www.youtube.com/channel/UCOXnoDNddcKGOd_-M3MdKbw

Ico Fedeli – https://vimeo.com/252878944

SOSTIENI IL PROGETTO!

 CLICCA QUI per aderire

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn