CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Borsino rifiuti è una piattaforma online che opera nel settore dell’economia circolare. Mette in contatto privati o aziende che vogliono smaltire con società che ritirano e riutilizzano i rifiuti.

Come funziona la piattaforma Borsino Rifiuti?

Iscrivendoti gratuitamente al sito ed effettuando il login sarai guidato passo passo. Potrai decidere di far ritirare i tuoi rifiuti in cambio di denaro, oppure vendere prodotti ancora efficienti (materie prime, attrezzature nuove o usate) inserendo degli annunci.

Borsino Rifiuti fa parte della società Taebioenergy srl, che nel 2015 è stata riconosciuta per il progetto Borsino Rifiuti Startup Innovativa, e successivamente inserita nella Sezione Speciale della Camera di Commercio di Milano. Il progetto nasce dall’idea di Gianluca Vorraro e Fabio Ragnatela.

La spazzatura va all’asta!

Un ulteriore meccanismo di smaltimento promosso dal sito è il seguente: i produttori di rifiuti mettono all’asta lotti di rifiuti, indicando la loro offerta in €/tonnellata. Il maggior offerente si aggiudicherà l’acquisto del lotto. Infine, le parti sottoscrivono un contratto di servizio. Sulla piattaforma sarà caricato il formulario di ritiro, per la tracciabilità del ciclo.

Oppure, è possibile usufruire del servizio di smaltimento Super fast. Basta inserire nell’apposita sezione il CAP in cui ritirare il rifiuto, che deve avere un peso minimo di 50 kg e massimo di 2000 kg. Il ritiro è garantito entro le 72 ore successive.

L’economia circolare che fa bene all’ambiente

L’obiettivo a lungo termine più importante di progetti come questo è la transizione da economia lineare a economia circolare. Il modello “produzione-consumo-smaltimento” deve essere abbattuto a favore del più efficiente “riutilizzo, rinnovamento e riciclo”. Solo così sarà possibile concretizzare quel tanto auspicato concetto di crescita sostenibile… e l’ambiente ci ringrazierà!

Martina Coscetta 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn