CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

E’ il primo taccuino sul mercato dotato di un sensore biometrico di impronte digitali. Lockbook si serve di un micro scanner di impronte che sblocca l’agenda. Ciò lo rende impossibile da aprire senza l’autorizzazione del suo proprietario. Da notare che si possono salvare due polpastrelli, qualora volessimo condividere il nostro taccuino hi-tech con qualcun altro. Sarà solo necessario mantenere il notebook ricaricato tramite la porta micro-USB.

Semplice, facile da usare e sicuro!      

Consente di gestire documenti, idee o annotazioni in totale sicurezza, senza rinunciare allo stile. Lockbook è molto più di un quaderno in cui scarabocchiare, scrivere note e tenere biglietti da visita in modo sicuro. Si tratta di un notebook multifunzionale.

Organizer, raccoglitore ad anelli e pagine perforate per appunti, divisori e portapenne. Non c’è bisogno di acquistare un nuovo notebook quando esaurisce lo spazio di scrittura disponibile. Si riempe il raccoglitore a sei anelli con ricambi per agenda e organizer disponibili in qualsiasi cancelleria.

Con la tecnologia delle impronte digitali Lockbook protegge informazioni cruciali: le note saranno al sicuro ovunque tu vada.

E’ disponibile in sei varianti di colore in tessuto ecofriendy resistente all’acqua e facile da pulire. L’interno può essere personalizzato mediante dei moduli a seconda delle esigenze individuali.

Può contenere memos, immagini, carte e qualsiasi altra cosa si debba avere a portata di mano. Oppure può essere utilizzato come il buon vecchio “caro diario segreto…”.

Ma Lockbook è un “diario evoluto” che non ha bisogno di essere nascosto sul fondo di un cassetto e il vecchio lucchetto è sostituito dal nostro polpastrello. E’ infatti possibile aprire e chiudere il taccuino in un secondo, con una leggera pressione del dito sul sensore digitale. In questo modo siamo ben sicuri che nessuno invaderà la nostra privacy andando a curiosare nella nostra preziosissima agenda.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn