Hayo, il device che sfida gli illusionisti

670
CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Quale differenza potremmo rilevare tra Hi-tech e magia qualora venissimo in contatto con un oggetto altamente tecnologico capace di sorprendere, stupire, sbalordire per le sue funzionalità che sicuramente definiremmo un gioco di prestigio o un prodigio?

Il progetto “HAYO”

Grande 220 x 70 mm, e dal peso di 600 grammi, con un campo di azione di 6 metri, questo dispositivo consente di gestire la domotica di casa trasformando qualsiasi oggetto in un device di comando. Per farlo il dispositivo crea una mappa 3D della stanza mediante un sistema di ottiche, consentendo di trasformare gli elementi catturati in grandi pulsanti. Grazie all’istallazione di una app, Hayo è in grado di interagire con un oggetto di casa associandolo a un dispositivo compatibile. Hayo possiede un sensore 3D, un sensore dei movimenti, un sensore ad infrarossi e il WiFi. Grazie all’uso del cloud, il sistema si accorge se abbiamo modificato qualcosa nell’ambiente circostante gestendo i comandi di conseguenza.

Con un semplice gesto della mano è possibile impartire comandi alla propria casa: stando comodamente seduto, programmando Hayo, si è in grado si accendere le luci, mettere in funzione elettrodomestici, sentire la musica o mettere in funzione la televisione.

Senz’altro un oggetto interessante e utile. Quando questo prodotto raggiungerà il mercato, il rapporto delle persone con l’ambiente cambierà sostanzialmente. Il concetto di “gestione della casa” verrà sicuramente stravolto positivamente poichè consentirà all’utente di controllare e programmare infinite combinazioni di comandi mentre è impegnato in altre faccende domestiche.

Già aperta su Indiegogo la ricerca di finanziatori per questo “magico” progetto, e sono tante le richieste di informazioni sul web.

Più che un cambiamento delle abitudini quotidiane, Hayo si candida a divenire un grande vantaggio per le persone: innovativo, inaspettato e presto, probabilmente, indispensabile.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn