CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’incubatore di startup Wylab promuove un’iniziativa che senza dubbio ci ricorda quanto il nostro Paese sappia essere unito nel momento del bisogno: una raccolta fondi per le famiglie sfollate a causa del crollo di Ponte Morandi

Wylab è il primo Sports Tech Incubator d’Italia con la finalità di costituire un centro di eccellenza per lo sviluppo e la crescita di startup attive nel settore dello sport. Wylab ha attivato una collaborazione con l’Associazione Tigullio Crea Impresa, fondata dagli startupper usciti dal primo percorso di incubazione di Wylab e imprenditori locali.

Un appello al mondo delle startup italiane e straniere

Come riporta il sito ufficiale del progetto, Wylab, le sue startup e l’associazione no-profit Tigullio Crea Impresa lanciano l’iniziativa “Startup per Genova”, una raccolta fondi destinati alle famiglie delle vittime del crollo e alle centinaia di persone che non hanno più una casa.

“Facciamo appello al mondo delle startup italiane e straniere, che conoscono le sfide quotidiane e il coraggio di non arrendersi, perché ci aiutino a fornire un supporto concreto alla nostra città che il 14 agosto è stata nuovamente messa alla prova da una terribile tragedia, il crollo di Ponte Morandi.”

E per donare?

È possibile donare sia tramite bonifico bancario sia tramite carta di credito o paypal. Clicca qui per avere maggiori informazioni. Potrai inoltre lasciare la tua mail per restare aggiornato sull’esito della raccolta, il quale è già molto promettente.

Genova vuole rialzarsi in fretta e ha bisogno del supporto di tutti. Il mondo delle startup, grazie a questa iniziativa, dimostra quanto sia importante affrontare con coraggio le sfide di ogni giorno. La condivisione, il supporto reciproco e la solidarietà sono valori che le startup conoscono bene, e che devono essere rispettati anche e soprattutto in situazioni tragiche come il crollo del Ponte Morandi.

Forza Genova, siamo al tuo fianco!

Martina Coscetta 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn