CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il Liceo Biomedico Pio IX di Roma nasce per agevolare gli studenti nell’accesso alle facoltà legate al settore sanitario: primo nel Lazio, rappresenta una risposta concreta alla sempre crescente domanda occupazionale in area scientifica.

Il primo anno scolastico è appena cominciato. A ricoprire il ruolo di preside è Mario Rusconi, Vicepresidente dell’Anp (Associazione nazionale presidi). Il nuovo liceo delle scienze applicate a curvatura biomedica, primo nel Lazio, si avvale della collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore – Policlinico Universitario A. Gemelli – che è parte costitutiva del comitato scientifico e partner nelle attività laboratoriali cui prendono parte gli alunni durante il quinquennio.

Cosa si studia in un liceo biomedico?

Il nuovo liceo rispetta tutti i parametri previsti dalle direttive del MIUR – Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca – relative alle ore di didattica. Vengono però incrementate le ore dedicate alle discipline scientifiche. Inoltre sono previste attività di laboratorio obbligatorie, nelle quali gli studenti saranno affiancati da personale medico riconosciuto e potranno toccare con mano cosa significa esercitare una professione medica. È particolarmente potenziato l’insegnamento dell’informatica e della lingua inglese, con il metodo CLIL.

Tra gli obiettivi del liceo, nello specifico, è prevista la preparazione al superamento dei test d’ingresso per le facoltà di:

  • Medicina e Chirurgia
  • Ingegneria biomedica e robotica
  • Psicologia clinica
  • Farmacia
  • Biologia
  • Chimica
  • Infermieristica
  • Scienza dell’alimentazione
  • Fisica Medica

Una proposta formativa dall’alto contenuto innovativo

“Il liceo scientifico con curvatura biomedica del Pio IX è una novità assoluta non solo per Roma ma anche per l’Italia in quanto si propone come una proposta formativa all’avanguardia – spiega Mario Rusconi – Gli accordi con l’Università Cattolica, con il Policlinico Gemelli, con l’Ordine dei Medici, istituzioni e altri professionisti, daranno un valore aggiunto alla formazione dei nostri studenti. I genitori interessati a questo liceo vogliono dare un significato molto forte all’investimento culturale dei propri figli, aiutandoli anche a preparare i test d’ingresso alle facoltà scientifiche.”

Il percorso di studi si propone di maturare persone che siano capaci di muoversi in contesti nazionali e internazionali. Grande importanza, inoltre, è attribuita ai valori trasmessi: conoscenza e umanità, professionalità e sentimento, capacità e saggezza.

In tutta Italia sono solo 20 i licei a curvatura biomedica. Il Pio IX, insomma, ha tutte le carte in regola per crescere ulteriormente e continuare a formare non solo i ragazzi del presente, ma guardando anche alle loro scelte future e alle esigenze del mercato del lavoro.

Martina Coscetta

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn