CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Alle 23:59 Cenerentola inciampa sulla scalinata del palazzo reale e perde una delle sue scarpette di cristallo. La fata madrina l’aveva omaggiata di quelle scarpe perché erano uniche. Non si trovavano in vendita in nessuna bottega del reame. I calzolai dell’epoca non ne conoscevano nemmeno le fattezze.

Quelle calzature erano di taglia 36, di cristallo e, in un’occasione strepitosa come un ballo reale, le avrebbero notate tutti…

Dove trovare oggi una scarpetta del genere?

Una calzatura che ti contraddistingua e ti renda unica?

Una scarpa che ti calzi alla perfezione e che, per di più, possa essere personalizzata a tuo piacimento?

 

La risposta porta il nome di Racine Carrée, una start up iconica nel suo genere.

A dispetto del suo nome internazionale, si tratta di un’app nostrana sviluppata e messa a punto da Viviana Vignola, e coadiuvata da Giancarlo Montevecchi, Dalila De Gregorio, Mehrnaz Mazidian, Claudia Mitan, Serena Campisi e Laura Antonioli.

Racine Carrée è un brand focalizzato sull’estero che punta a rafforzare l’eccellenza italiana nel moderno settore luxury brand di calzature da donna, conosciuta in tutto il mondo.

Attraverso questa start up, ogni donna può creare la propria scarpa fatta su misura, ad opera d’arte, e personalizzando il prodotto quasi completamente. “Quasi” perché Racine Carrée si basa su strutture di calzature che possono essere visualizzate dal sito stesso.

La personalizzazione del prodotto in un settore dove l’eccellenza italiana è riconosciuta da sempre, serve sostanzialmente per intercettare il trend emergente nella moda e per plasmare un concept omnichannel di direct-to-consumer.

In questo modo, ogni donna, seguendo l’iconicità dei modelli di punta, costruisce la sua identità originale e innovativa nel brand Racine Carrée.

La shopping experience della start up inizia quindi online, cercando una progressiva disintermediazione dei canali tradizionali, abbattendo i costi e rendendo i prezzi più accessibili a fronte di un elevatissimo livello qualitativo.

La strategia di Racine Carrée?

Essere una femme fatale.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn