CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La parola al cliente

5 stelle per i prodotti Wear Me, le recensioni parlano da sè. Quasi la totalità dei clienti si ritiene pienamente soddisfatta della qualità dell’abbigliamento, del servizio, delle tempistiche di consegna e della disponibilità e cordialità dello staff. “Molti articoli sono delle vere e proprie innovazioni. Virginia e il suo staff meritano ben più di 5 stelle!” è solo uno dei commenti positivi nei confronti dello shop.

Ed è proprio grazie all’attenzione verso il consumatore e alla professionalità del suo team che Wear Me è riuscito in breve tempo ad affermarsi sul mercato.

Cos’è Wear Me

Wear me è un’azienda che porta il made in Italy nel mercato del Babywearing. Dal lancio avvenuto nell’ottobre 2017, ha già venduto, in Italia e all’estero, oltre 1200 giacche e 300 cappotti.

Si tratta del primo marchio Italiano nel settore a disegnare e commercializzare giacche e cappotti che permettono alle mamme e alle donne in gravidanza di portare il proprio bambino con fascia o marsupio. Unendo praticità e stile, offre un prodotto di qualità, pensato per poter essere utilizzato tutti i giorni.

Sotto la guida della CEO Virginia Scirè, Wear Me vanta anche una lunga esperienza nel mondo dell’e-commerce. Visionaria e innovativa, Virginia ha lavorato per 10 anni nello shop Allegri e Briganti. Ma è solo dopo la sua esperienza di madre che ha deciso di ideare il prodotto di punta del progetto: la giacca Wear Me.

Il prodotto a servizio delle mamme

La soluzione progettata da Virginia e dal suo staff nasce in risposta alle esigenze delle mamme. Già in gravidanza, c’è bisogno di acquistare un capospalla che contenga anche il pancione e spesso l’acquisto risulta difficile. Talvolta non si trova nelle linee di abbigliamento pre-maman e quando lo si trova non è riutilizzabile dopo il parto.

Al contrario, la giacca Wear Me può essere adoperata in gravidanza, nel periodo di utilizzo della fascia ma anche nel tempo libero come una normale giacca. Questo grazie ad un sistema di inserti da applicare o sfoderare, che la rendono estremamente versatile.

Praticità e facilità di utilizzo sono dunque le parole d’ordine. Ma anche stile. Il design made in Italy la rende indossabile nella vita di tutti i giorni. Al contempo la qualità dei materiali garantisce un’ottima resa tecnica: la giacca è impermeabile, antivento, testata fino -10° ma totalmente sfoderabile, pertanto adatta a tutte e 4 le stagioni. Il tutto assicurato ad un prezzo competitivo.

La novità della stagione 2018-019 è invece un cappotto prodotto con un tessuto innovativo, composto di lana e una fibra antivento. Il che lo rende comodo e traspirante. Questo nuovo modello ha già segnato un incremento delle vendite pari al 300%.

Perché scegliere Wear Me

Sempre più genitori si avvicinano al mondo del Babywearing, non solo per il passaparola. L’utilizzo della fascia o del marsupio è consigliato nei corsi preparto, nei reparti di terapia intensiva prenatale e da medici e ostetriche. Dopo 9 mesi in simbiosi con la madre, il neonato ha infatti bisogno del contatto con i genitori.

Per questo motivo la cultura del portare si sta diffondendo, soprattutto all’estero, in paesi dove il marchio Wear Me si è già affermato.  L’azienda è presente con 8 punti vendita in Giappone, Germania, Svizzera, Francia, Belgio, Bulgaria e Danimarca. I restanti 9 si trovano in Italia, dove si riscontra un mercato potenziale di 93 mila clienti.

Proprio a loro si rivolge Wear Me, in maniera diretta. Da anni è attiva una comunity di oltre 12 mila mamme. Un pubblico di acquirenti vivaci e fidelizzati che permette di raccogliere feedback e favorire l’apporto di migliorie ai prodotti.

L’obiettivo per il biennio 2019-2021 è l’internazionalizzazione. Tramite la raccolta fondi in atto su Mamacrowd, Wear Me punta a sviluppare stores nel Nord EUropa, in Inghilterra e in seguito negli Stati Uniti, dove già il 50% dei genitori acquista almeno 1 marsupio.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn