CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La genitorialità come palestra naturale di crescita professionale

Ogni anno in italia le aziende spendono più di 1 miliardo di euro per sviluppare le cosiddette soft skills dei propri dipendenti. Competenze chiave nel mondo del lavoro: empatia, creatività, capacità di gestire il tempo, di affrontare rischi e superare le crisi. Sono solamente alcune.

E se fosse possibile potenziare queste abilità a costo zero? Se esistesse un asset strategico per migliorare produttività e performance aziendali? MAAM risponde affermativamente. E lo fa con l’esperienza.

MAAM dimostra come la nascita di un figlio sia la palestra naturale per allenare esattamente queste competenze. Rivoluziona così i processi di apprendimento nelle aziende. Cos’è infatti la genitorialità se non lo sviluppo costante di problem solving, creatività, capacità di comunicazione, di motivazione? La maternità e la paternità vengono rivalutate. Non sono più considerate un ostacolo per la continuità lavorativa, un momento critico nell’attività professionale o un arresto della carriera. Tutto il contrario. Diventano un’opportunità.

Un master per ricalibrare il rapporto tra lavoro e vita privata

MAAM è un servizio di formazione digitale distribuito dalla società Life based value alle aziende. Attualmente sono più di 50 quelle che vi hanno aderito. Il punto di forza e l’innovazione rispetto alla formazione tradizionale si riscontra nella capacità di trasformare la nascita di un figlio in un master in competenze soft.

Difatti MAAM accoglie la vita dei propri dipendenti all’interno dell’ambito lavorativo. Unisce l’esperienza genitoriale al digitale e ne attiva così il potenziale formativo, moltiplicando il capitale umano dell’azienda. Con benefici sia per i dipendenti che per l’azienda stessa. 

La co-founder di Life Based Value, Riccarda Zezza, sottolinea come questa nuova realtà possa diventare anche un esempio per le donne startupper. Si fa portatrice di un valore aggiunto: dimostra nei fatti come sia possibile sviluppare startup senza rinunciare alla propria vita privata.

La soluzione per il mercato del lavoro di oggi

Ad oggi il mercato del lavoro richiede una nuova mentalità. Molto spesso la scelta di un dipendente punta sulle sue abilità, non solamente sulla tecnica. Sin dalla formazione scolastica si dedicano tempo e attività per sviluppare le competenze trasversali. Saper accettare le sfide, mettersi in gioco, adattarsi, trovare soluzioni innovative.

Una madre o un padre soprattutto con bambini piccoli vivono quotidianamente un rinnovamento costante di tali aspetti. MAAM li valorizza e ne sollecita il potenziale formativo.

I dipendenti neo-mamme o neo-papà con figli dai 0 ai 3 anni si iscrivono al programma. Nell’arco di 6 mesi scoprono le 12 competenze acquisite, tra cui l’ascolto, l’empatia, la gestione del tempo e delle crisi, e tornano a lavorare consapevoli della crescita personale che hanno sperimentato.

La formazione non finisce qui. Poiché grazie alla community interaziendale, ognuno può condividere la propria esperienza con i colleghi, scambiare riflessioni e organizzare incontri. Anche il lavoro di squadra dunque fa la sua parte.

Progressi e risultati

I risultati registrati sono decisamente promettenti. Fondata nel 2015, dopo due anni di ricerca scientifica, MAAM ha coinvolto più di 50 aziende italiane e sta avviando un  processo di internazionalizzazione. Sono molti i commenti in rete dei clienti soddisfatti che hanno ottenuto un impatto misurabile e duraturo sul lavoro.

“La maternità mi ha resa amministratrice delegata della mia vita. Che cosa si può desiderare di più?” (Anna, mamma)

“Da padre vedo le cose con nuovi occhi. Ho spostato l’attenzione da me ad un altro.” (Paolo, papà)
“Una mamma in squadra sa sempre come trovare una soluzione ai problemi.” (Emanuela, mamma)

Con MAAM le aziende imparano a parlare la stessa lingua dei loro collaboratori, mentre le mamme i papà lavoratori si sentono tutelati nel vivere a pieno un’esperienza meravigliosa com’è quella della nascita di un figlio.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn