CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Una base circolare da applicare direttamente all’asta dell’ombrellone e due alette che si aprono all’avvicinarsi di uno speciale braccialetto elettronico.

Si chiama Safebeach la cassaforte da spiaggia che promette di tenere al sicuro gli oggetti più preziosi della vostra sea bag in questa calda, caldissima estate.

Largo dunque a bagni ristoratori, passeggiate, partite di beach volley e gavettoni. Da soli o in gruppo, comunque senza pensieri: smartphone, chiavi, documenti e portafogli resteranno ad aspettarvi al riparo da sabbia, acqua e “mani lunghe” nell’innovativo box dalla serratura smart.

Il dispositivo infatti, applicabile direttamente ai comuni ombrelloni da spiaggia, lavora con radiofrequenze con codice univoco e può essere sbloccato solo tramite uno speciale braccialetto elettronico, rigorosamente in gomma usa e getta e realizzato in vari colori per consentire ai gestori degli stabilimenti di distinguere i clienti per durata di permanenza e servizi acquistati. Insomma, niente lucchetti o chiavi da portare con sé: per aprire Safebeach sarà sufficiente – e indispensabile – avvicinare il braccio alla cassaforte.

Un kit aggiuntivo consente inoltre di ricaricare i propri dispositivi grazie alla presenza di porte USB e all’integrazione di pannelli solari da applicare sulla cima dell’ombrellone.

Sviluppato dalla giovane startup innovativa Safesolution S.r.l presso l’incubatore POLIHUB del Politecnico di Milano, Safebeach ha ottenuto diversi riconoscimenti, fra cui la vittoria del contest StartCup Bergamo dell’Università degli Studi di Bergamo. Dopo l’esito positivo dei primi test effettuati nel 2018 presso alcune strutture balneari Italiane, la startup si dice pronta a crescere e a conquistare gran parte degli stabilimenti della penisola.

La società, valutata oggi € 2.250.000, punta a raccogliere € 150.000 tramite equity crowdfunding, in cambio del 6,25% delle quote societarie, per la produzione di nuovi dispositivi e attività di ricerca, sviluppo e comunicazione. Grazie a precedenti finanziamenti negli ultimi due anni da parte dei primi investitori, per un totale di € 270.000, Safesolution S.r.l. è riuscita a industrializzare la produzione dei dispositivi e a perfezionare le loro componenti elettroniche.

Il prodotto è pronto, noi siamo pronti – spiega Filippo Gigliotti, socio fondatore e direttore Safesolution S.r.l. – Il nostro obiettivo per i prossimi anni è quello di raggiungere il 10% del nostro mercato e per riuscirci ci rivolgiamo a grandi e piccoli investitori, privati o imprese. Il capitale raccolto con il crowdfunding ci aiuterà con la produzione, la promozione e la distribuzione delle casseforti Safebeach”.

L’investimento, sottolinea la startup milanese, è aperto sia a persone sia a società, che potranno contribuire con un importo minimo di 250 euro.

Carola Tangari

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn