Click’n’food, Click’n’coffe, Click’n’pizza! La nuova Lampada di Aladino è un grosso pulsante rosso che si attacca al frigorifero e che conosce in anticipo i nostri desideri – almeno in ambito gastronomico. Non provate a sfregarlo: per attivare il “genio” basta un click.

L’oggetto del desiderio – e per il desiderio – di tutti i golosi, si chiama Click’N’Pizza: un dispositivo ideato dalla startup dell’Internet of Things La Comanda, fondata da Carlo Brianza e Andrea Gaggi.

Nemmeno la fatica di scegliere: basta spingere il pulsante sul frigo per vedersi recapitare a casa in pochissimo tempo la propria pizza preferita. Click’N’pizza non necessita di smartphone: si avvale del wifi di casa per inviare le ordinazioni in modo facile e veloce, creando un canale diretto tra il consumatore e la pizzeria di fiducia.

Gira e rigira

Il pulsante rosso, appeso in bella vista sul frigorifero o appoggiato sulla sua base in cucina, permette, tramite rotazione, di impostare e salvare in memoria i propri piatti preferiti: non solo pizza, ma anche panini, primi, secondi, piatti unici, bevande e caffè.

“Click’N’Pizza nasce dall’idea di voler rendere più semplice, più veloce e più divertente un’azione per noi ricorrente. Nello specifico della pizza, l’azione è particolarmente ricorrente, perché le persone non solo ordinano frequentemente, ma ordinano quasi sempre la stessa pizza” spiega Carlo Brianza, ingegnere, CEO & Founder di La Comanda.

Non solo one click

Una volta impostato il proprio food preferito, basta pigiare sul pulsante per inviare l’ordine. Se, tuttavia, i gusti – o le voglie del momento – dovessero cambiare, il display permette di visualizzare e selezionare le alternative presenti nel menu e le offerte speciali attivate dal nostro pizzaiolo o ristoratore di fiducia.

“Ed è lì che nasce la relazione – sottolinea Brianza – perché al di là della semplice conferma dell’ordine effettuato, riceverò altre comunicazioni, come promozioni in occasione di eventi particolari”.

Dritti al punto

In un momento in cui l’economia di quartiere è messa a dura prova dalle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, il contatto diretto con il consumatore diventa un’opportunità ancora più rilevante. Nel caso di Click’N’Pizza, i messaggi non si perdono nel mare dei social – ancora più affollato in questo particolare momento storico -, ma arrivano diretti, pronti ad essere colti dove e quando servono.

“A differenza dello smartphone, sul quale ricevo qualsiasi genere di comunicazione, che fa rumore e sul quale i messaggi promozionali sono spesso inopportuni e quasi fastidiosi – spiega Brianza – il display di Click ‘n’ Pizza, è sul frigorifero. Dunque io leggerò il messaggio promozionale al posto giusto e al momento giusto, quando sto pensando alla mia cena. Il messaggio così mi coglierà proprio nel momento in cui avrò l’apertura mentale per ricevere quel tipo di comunicazione”.