CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Letture che durano esattamente il tempo di infusione. E’ l’idea di Narratè, il progetto di food design che trasforma l’attesa per un buon tè in un momento di piacevole relax.

“L’essenza di Bologna”, “L’essenza di Pompei”, “Un tè con Dante Alighieri”, “L’essenza del Buddismo”. Sono solo alcuni dei libretti collegati alla teabag. Sei colori identificano le sei differenti linee editoriali che comprendono tutte racconti inediti, la cui lettura dura giusto i 5 minuti di infusione del tè: dal verde di NarraPlanet al giallo di NarraPeople, dal rosa di NarraLife al bianco di NarraGood, e così via…

Narratè è un progetto Narrafood srl, startup che nasce nel 2015 grazie alla vittoria del Bando pre-seed rivolto alle imprese culturali e creative della Regione Lombardia.

Come spiegato dal suo Ceo, Adriano Giannini, la nuova realtà “si propone di implementare soluzioni originali che utilizzino il potere narrativo ed evocativo dei prodotti alimentari in riferimento al territorio, alla cultura e al turismo. Narratè è il primigenio di una serie di innovazioni immaginate per entrare in empatia con il consumatore, attraverso l’offerta di una micro esperienza di ‘edutainment’ che sia di valore e qualità volta a generare con il fruitore un rapporto di fiducia, reciprocità e fidelizzazione”.

Il progetto si è già aggiudicato numerosi riconoscimenti: dal primo premio nel 2016 Open design Italia dove Narratè ha rappresentato l’Italia alle finali di Copenaghen, al più recente premio Centostazioni Spa.

Del resto, ottima idea regalo, Narratè offre squisiti abbinamenti di ingredienti, promuovendo al tempo stesso, con semplicità e originalità, la lettura, il più delle volte abbinata al particolare gusto della bevanda per un’esperienza che diventa così multisensoriale.

“Un modo per vivere un’esperienza di valore in un tempo altrimenti considerato ‘perso’ – spiegano da Narrafood – Insomma un momento di pace intima e tranquilla, una coccola ‘alta’ per lo spirito e il palato (senza controindicazioni per la linea)”.

Carola Tangari

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn